Immigrazione
Domanda di cittadinanza
img
Cittadinanza
E’ italiano dalla nascita il figlio di padre italiano o di madre italiana, anche se è nato all’estero, in base al principio dello ius sanguinis (diritto di sangue), che in Italia è la regola di base.
Chi nasce ed è residente all’estero e possiede la cittadinanza straniera del paese di origine, deve chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana per diritto di sangue, presentando una richiesta documentata, secondo il luogo di residenza, presso il Comune o il consolato italiano all’estero.

In tutti gli altri casi, sono 3 le modalità attraverso cui il cittadino straniero può acquisire la cittadinanza italiana:
· nascita in Italia (se risiede legalmente fino a 18 anni e dichiara di voler diventare italiano);
· matrimonio con un cittadino/una cittadina italiano/a: in questo caso il coniuge straniero può chiedere la cittadinanza dopo due anni di residenza in Italia, oppure dopo 3 anni dal matrimonio se la residenza è all’estero
· naturalizzazione: il requisito fondamentale per la concessione della cittadinanza italiana è la residenza legale in Italia, che può variare dai 3 ai 10 anni, a seconda dei casi. La cittadinanza è concessa se si è in presenza di determinati requisiti, quali l’autosufficienza economica, l’adempimento degli obblighi fiscali, la mancanza di precedenti penali e il grado di inserimento sociale e culturale in Italia .

Per ulteriori informazioni puoi rivolgerti alla sede più vicina del Patronato ACLI. Riceverai assistenza gratuita dai nostri operatori esperti.

Segnala la notizia Segnala questa notizia
Versione stampabile Versione stampabile
Iscrizione Mailing List Iscriviti alla mailing list